Listino Supporto Partner Contatti Lavora con noi
RocketWeb
Kerio Connect
General
Come configurare il messaggio fuori sede con il Client Kerio Connect Come personalizzare la firma delle email con il Client Kerio Connect Gestire i calendari con il Web Client di Kerio Connect Condividere messaggi Come gestire le deleghe nel Client Kerio Connect Inizializzare l’archivio certificati e importare un certificato personale con il Web Client Kerio Connect Come eseguire l’accesso in sicurezza con il protocollo HTTPS Come gestire i filtri email nel Client Kerio Connect Come gestire i contatti con il Client Kerio Connect Come gestire una whitelist spam con il Client Kerio Connect Come fare le chiamate con la funzione click-to-call con il Client Kerio Connect Registrazione e Installazione Kerio Connect Come capire che Il proprio Kerio Connect è stato compromesso e usato per spamming Abilitare l’interfaccia Grafica nel Kerio® Connect Virtual Appliance Soluzione di Archiviazione per Casella di posta con Kerio® Connect e Outlook Connector Come rinominare una casella di posta Configurare i DNS su Kerio® Connect VA Come configurare una casella IMAP su iPhone e Kerio® Connect 8 in modo corretto Configurare Entourage 2008 Eseguiamo un backup di Kerio® Connect VA con AhSay Kerio® Connect – VA: Correggere Warning Locale support for language it (it_IT.UTF8) is not installed on the system Configurazione Criteri di Accesso dell’Utente in Kerio® Connect Configurare Outlook 2013 con il KOFF Kerio Outlook Connector – Posizione dello store del KOFF e Debug Files Ricerche semplici con il client Kerio Connect Come abilitare le notifiche desktop con il Client Kerio Control Public Folder visibili su Outlook configurato con ActiveSync Come Configurare account kerio su Outlook con ActiveSync Problema di configurazione del Kerio Outlook Connector Offline Edition

Monitoring - Knowledge Base

FAQ Prodotti AKCP

1- Perchè non riesco ad impostare l’IP al dispositivo utilizzando le funzionalità IPSet fornite nel CD di aiuto?

* Potrebbe dipendere da un calo di potenza del SensorProbe. Controllare il LED rosso. Dovrebbe essere costantemente acceso.
* Il dispositivo non è collegato correttamente con la rete LAN / network / cavo Patch. Controllare il LED verde. Dovrebbe essere costantemente acceso.
* Il PC utilizzato per configurare il sensorProbe è su una sottorete diversa da quella del dispositivo. Nota: IPSet.exe non funzionerà attraverso i router. Essa opererà attraverso switch e hub.
* Provare a collegare un cavo di crossover da un computer direttamente al sensorProbe. Questo è il metodo consigliato per impostare il sensorProbe.

2- Qual è l’IP di default del dispositivo?

* L’IP predefinito assegnato in fabbrica è: 192.168.0.100

3- Se l’IPset fallisce, esiste qualche altro metodo per assegnare l’indirizzo IP?
Si, le indicazioni che seguono vi aiuteranno ad impostare correttamente l’indirizzo IP.

* Trova l’indirizzo IP della scheda di rete digitando il comando “ipconfig” al prompt dei comandi. In Windows 2000 e XP si può accedere al prompt dei comandi cliccando su Start -> Esegui -> e poi digitando ‘cmd’ nella finestra di dialogo.

* Aggiungere l’indirizzo IP del sensorProbe alla tabella di routing inserendo

route add 192.168.0.100 x.x.x.x

dove x.x.x.x va sostituito con l’indirizzo IP della scheda di rete.

* Aggiungi la tavola ARP tavola inserendo

arp -s 192.168.0.100 xx-xx-xx-xx-xx-xx

dove xx-xx-xx-xx-xx-xx Þ l’indirizzo MAC del vostro SensorProbe.

* Ping 192.168.0.100 con una dimensione di buffer di 89 byte

ping -l 89 192.168.0.100

Se il browser e il ping di accesso funziona, aprire l’interfaccia web del dispositivo digitando l’IP 192.168.0.100.

4- Posso utilizzare l’IP di default del dispositivo per accedere all’interfaccia web e poi assegnare l’IP desiderato?

* Si, puoi accedere all’interfaccia web digitando l’IP 192.168.0.100 nel tuo broswer

5- Riesco ad eseguire il ping dell’indirizzo IP del dispositivo, ma non ricevo l’interfaccia web quando digito l’IP nel browser

* Le impostazioni proxy del browser possono impedire l’accesso al dispositivo. Si prega di disattivare le impostazioni proxy per accedere all’interfaccia web.
* è stato aggiornato il codice di micro del firmware, ma non il codice di aggiornamento HTML. Gli aggiornamenti del codice HTML devono essere fatti, dopo che l’aggiornamento del codice micro è stato fatto.

6- Dove posso trovare l’indirizzo MAC del dispositivo?

* L’indirizzo MAC del dispositivo può essere trovato sul coperchio inferiore del dispositivo.
* Sull’ interfaccia web nella pagina di Rete
* Quando si usa IPset in modalità Automaticcally Get MAC

7- Dove posso trovare il file MIB per il dispositivo?
Il file MIB per il dispositivo può essere trovato nel CD di aiuto, sotto la directory: akcp_utilities \ \ mib \

8- Se non riesco ad impostare il dispositivo per inviare la posta?

* Il server SMTP inserito è sbagliato.
* L’opzione Invia posta non è abilitata nella pagina delle impostazioni di posta elettronica.
* Il periodo di timeout immesso è troppo basso
* Il gateway IP non è inserito nella pagina di rete
* L’indirizzo di posta elettronica non è impostato
* Il server di posta non risponde
* L’indirizzo di posta elettronica non viene convalidato per il server di posta
* Le impostazioni del server di posta che vietano di accettare connessioni costituiscono il dispositivo IP
* Il firewall di rete combatte il traffico SMTP

9- Non riesco ad accedere al dispositivo

* La password inserita è sbagliata
* La password è stata cambiata da un altro utente.

10- Non sono in grado di modificare le impostazioni del dispositivo
Ti sei loggato al dispositivo come utente. Solo l’amministratore può modificare le impostazioni

11- Come posso recuperare una password persa?
Devi contattae AKCP all’indirizzo support@akcp.com fornendo l’indirizzo MAC del tuo SensorPorbe

12- Il dispositivo non riesce ad inviare Traps

* La destinazione IP TRAP non è stata impostata nelle impostazioni TRAP.
* La community inserita è sbagliata.
* Il firewall blocca il traffico di TRAP
* L’opzione invio TRAP è disattivata.

13- Ho un HP OpenView, ma non sono in grado di ricevere i TRAP

Per cambiare le Traps in HP OpenView style, occorre inviare un comando SNMP al dispositivo indicato di seguito:

snmpset .1.3.6.1.4.1.3854.1.2.2.1.60.0 i X

Dove IP va sostituito con l’ IP address del sensorProbe. Comunità di defalut è “public”. e la X può assumere 3 valori: 1 (WhatsUP gold style), 2 (HP OpenView Style), 3(both Style). Di default, il valore della X è impostato su 1.

14- Ho assegnato il gateway IP, e quando salvo mi restituisce l’IP di default.
Questo accade quando il dispositivo non è in grado di trovare l’IP inserito. Quando l’IP viene inserito, il dispositivo cerca l’IP, se lo trova allora accetterà l’IP inserito, oppure esso tornerà all’ IP predefinito.

15- Il sensore di temperatura è integrato nel SensorProbe?
No. Abbiamo cercato di farlo quando per la prima volta abbiamo progettato il SensorProbe. E’ molto più economico avere un sensore di temperatura integrato. Questo è lo scopo della griglia nella parte superiore della scatola. Quello che abbiamo scoperto è che non c’è modo di evitare che il calore dal sensorProbe possa influenzare il sensore di temperatura, che risulta affetto da 2-4 gradi Celsius. Se avessimo proceduto con l’integrazione sarebbe stato necessario “sintonizzare” le offset applicando un fattore di correzione. Il problema è che questo fattore di correzione avrebbe dovuto cambiare a seconda della temperatura e delle condizioni di funzionamento. Quindi, se si fosse aggiunto un fattore di correzione relativo alla temperatura ambiente normale, questo si sarebbe dovuto cambiare in caso di uso di aria condizionata e di temperatura ambiente superiore. Per tutte queste ragioni, abbiamo preferito i sensori esterni, in modo che le misurazioni effettuate dai sensori possano essere considerate attendibili e così che non sia necessaria la calibrazione.

16- Come posso usare sp2Init.bat, sp8Init.bat o cpInit.bat per inizializzare tutte le configurazioni in sensorProbe o cameraProbe8?
Lo “sp2Init.bat” si utilizza con sensorProbe2, il “sp8Init.bat” si utilizza con sensorProbe8, e la “cpInit.bat” con cameraProbe8. In questa FAQ, usiamo “sp2Init.bat” come esempio. Lo “sp2Init.bat” si trova sul CD-ROM. E ‘nella directory “ucd_utilities. è possibile eseguire il file batch direttamente dal CD-ROM.

1. Vai al prompt di DOS e cambia la lettera di un’unitÓ disco del CD-ROM, poi cambia la directory “ucd_utilities”
2. Esegui lo sp2Init.bat con la seguente sintassi:

sp2Init

dove va sostituito con l’indirizzo IP del sensorProbe e va sostituito con la password dell’amministratore (quella di default Þ pubblica)

Nota: Durante il processo, si possono visualizzare molti messaggi del tipo: Impossibile trovare il modulo …+ “. Si prega di ignorare questi messaggi di allerta fin quando il file batch funziona ancora correttamente

3. Aspetta finchè il comando prompt non venga visualizzato di nuovo. Questo sta ad indicare che l’inizializzazione è terminata.

17- Ho un sensorProbe8-X20 e vorrei tensione di ingresso alle 20 porte dry contacts in più. Qual è il valore di tensione raccomandato per i dry contact che non farà bruciare il sistema?
Presumo che si stanno utilizzando dei drycontacts opto-isolati poichè non vi è necessità di aggiungere voltaggio ai dry contacts, che sono configurati come non-isolati. I dry contacts sono progettati per avere la corrente a LED compresa tra 5 e 27mA con 680ohm di resistenza collegata internamente. La tensione di ingresso va poi da 5 a 20Volts. Così, la tensione massima che può sostenere un dry contact è di 20 Volt. Questo è vero sia per il sensorProbe8-X20 che per il SensorPorbe X60.

18- Se ho bisogno di più di 20 Volt per i dry contacts, quali opzioni ho a disposizione per farlo? E cosa accade se metto un voltaggio su un dry contact che è configurato come non isolato?
Assumendo di voler inserire 48V ai dry contacts sia che essi siano opto-isolati sia che non lo siano, si pu? collegare una resistenza esterna al pin d’ingresso del dry contact. Questa resistenza esterna sarà seriale rispetto alla resistenza interna di 680ohm. Consentiamo a una corrente di 10mA di viaggiare nel LED dell’opto opto; cosý, il valore della resistenza esterna sarà di: (48V/10mA) – 680ohm = 4120ohm. Un valore più comune sarebbe pari a 4.7Kohm.

Se vengono utilizzati 4.7K, ci sarà una corrente di (48V/5380ohm) = 9mA. La potenza sulla resistenza è pari a circa(9mA)^2 * 4.7K = 0.38 watt. Quindi, una resistenza di 0.5 watt dovrebbe essere abbastanza.

Per concludere, collegando una resistenza esterna al pin d’ingresso del dry contact, si potrà prevenire che la resistenza possa bruciare anche se il circuito non è opto-isolato e una parte del voltaggio viene applicata sugli ingressi dei dry contact.

19- Ho bisogno di sapere se un sensorProbe8-X20 è regolarmente funzionante o meno, e cioè quando dopo un lungo periodo di tempo non è stato ricevuto alcun TRAP, come posso sapere se ciò dipende dal fatto che durante questo periodo non ci sono state effettive segnalazioni o se c’è invece qualche probelma nel corretto funzionamento del SensorProbe?

E’ possibile a tal scopo utilizzare le TRAP, per creare un sistema che riproduca il battito cardiaco. Per far ciò occorre configurare un ingresso di un dry contact inutilizzato. Mettetelo in stato d’allarme. Configurate le trap in modo che siano rinviate con una certa cadenza temporale. In questo modo otterrete quel ‘battito’ di cui avete bisogno.

Si prega di tener conto che non c’è garanzia che i TRAP vengano inviati. Così essi possono andar persi durante la trasmissione senza alcuna indicazione di errore. Nella gestione di grandi reti TRAP e polling vengono utilizzati in combinazione. Le TRAP vengono utilizzate per fornire una notifica immediata di un problema e anche per ridurre il traffico di rete. Le TRAP vengono poi combinate con il polling periodico dei sensori, ma ad un ritmo meno frequente così da ridurre l’utilizzo della larghezza di banda della rete.

20- Sono sicuro che tutte le impostazioni del voltmetro digitale siano state settate correttamente, ma sembra esserci un errore di lettura. Come posso correggere questo errore?
Il voltmetro digitale e i sensori da 4-20mA presentano un ingresso come segnale analogico, che sarà convertito in digitale tramite un convertitore A / D. Normalmente, il convertitore A / D Þ calibrato nel processo di produzione. Ma è anche possibile farlo seguendo le istruzioni riportate di seguito.

1. Tramite l’interfaccia web, disattivare un Autosense per port#1. Per farlo,
1. Accedere alle impostazioni del sensore tramite l’interfaccia web, cliccando su “Sensor” tab.
2. Nella parte inferiore del menu laterale di sinistra, cliccare su”Autosense”.
3. “Disable” per port# 1. Poi, cliccare “Save”.
2. Connettere 1.25VDC a RJ45 port# 1. Þ la tensione tra pin 7 e 8 del cavo collegato alla porta RJ45.

3. Impostare un sensore Voltmetro digitale online su questa porta. Occorre solo concentrarsi su un Raw analogico, quindi non è necessario modificare alcuna impostazione.
1. Accedere alla pagina delle impostazioni del sensore DC alla port# 1. Selezionare “Online” per andare Online/Offline. Poi , cliccare su “Salva”.

4. Eseguire comandi snmpset come

snmpset .1.3.6.1.4.1.3854.1.2.2.1.80.0 i 0

sostituire con l’indirizzo IP del yuo sensorProbe, e con la password dell’amministratore
5. La lettura analogica dall’interfaccia web dovrebbe leggere
500 (+/-5).

Si prega di notare che tutte le porte RJ45 utilizzano lo stesso convertitore A/D. Perciò, la calibrazione su qualsiasi porta dovrebbe avere effetto anche per le altre porte. E, per ogni sensore potrebbero esserci errori differenti per via dei loro diversi componenti(ad es. resistenza, capacità). Quindi, è possibile che lo stesso valore d’ingresso non venga letto allo stesso modo per diversi sensori collegati allo stesso SensorProbe.

21- Ho appena terminato il processo di calibrazione, ma si presenta ancora qualche problema di lettura. C’è qualche modo per regolare la lettura?
Nel processo di calibrazione, si imposta l’offset della tensione di riferimento in modo che l’analogico legga 500 quando l’ingresso alla porta RJ45 Þ di 1,25 volt. Tuttavia, il sensore che si sta utilizzando può ancora avere degli errori a causa di alcune componenti (ad esempio, resistenze e condensatori). Eseguire il comando snmpset come:

snmpset .1.3.6.1.4.1.3854.1.2.2.1.96. i

where

* Þ l’indirizzo IP del tuo SensorPorbe.
* Þ la password dell’amministratore.
* Þ il numero della porta cui Þ collegato il sensore per cui si vuole regolare l’offset.
* Þ il valore di offset. Questo valore dovrebbe rientrare in un range compreso tra 485 e 515

22- Il rilevatore di tensione alternata può solo sentire la presenza della tensione. Avete un sensore di tensione alternata in grado di misurare la tensione e di visualizzarne il valore sull’ interfaccia web simile a quello della temperatura o ai sensori di umidità?
Avrete bisogno di un sensore esterno di tensione AC / trasduttore. E’ possibile quindi integrarlo con il sensorProbe tramite un sensore Voltmetro digitale o un sensore di tensione da 4-20mA. Pertanto, assicuratevi che il sensore di tensione AC/trasduttore abbia un’uscita come quella di ogni voltmetro digitale da 4-20mA.

L’uscita del sensore di tensione AC/trasduttore dovrebbe essere linearizzata per funzionare al meglio se integrata con il sensorProbe. Vi Þ una sezione per impostazioni personalizzate nell’interfaccia web del voltmetro digitale e del sensore da 4-20mA dove l’unità di misura (voltaggio AC in questo caso) può essere personalizzata con altre sigle, ad esempio di può usare “V (rms)” per misurare la tensione RMS.

Nota: alcuni sensori/trasduttori potrebbero necessitare di un supplemento di potenza che bisogna fornire.

23- Come posso aggiungere un software al SensorProbe8Linux o al CameraProbe8?
E’ possibile estendere l’insieme di software sul SensorProbe8Linux o su cameraProbe8 .. Nagios per esempio è uno dei tanti programmi che si possono usare. Abbiamo anche l’RRDTool che è un tool grafico e di registrazione dati che consente di visualizzare un grafico dei dati dei sensori. Nella pagina di riepilogo del dispositivo, fare clic su “Visualizza Grafico” di qualsiasi sensore, dopodichÞ potrete visualizzare il grafico RRDTool.

Il file system di root è di sola lettura; perciò, occorre copiarli in una partizione utente che sia editabile.

1. Creare una copia dei file di configurazione di Nagios: Il luogo dove si può scrivere (creare directory e file) si trova in “/” flash1/user directory. E’ consigliabile creare una directory per tutti i file di configurazione di Nagios come “/ flash1/user/nagios/etc” C

#/ mkdir -p /flash1/user/nagios/etc

2. Poi, copiate tutti i file da “/usr/nagios/etc” to “/flash1/user/nagios/etc”

#/ cp /usr/nagios/etc/* /flash1/user/nagios/etc/

3. Modificare configurazione file: e’ possibile modificare la configurazione dei file nel modo in cui si preferisce far funzione Nagios. E’ possibile usare “vi” sul sensorProbe8Linux/cameraProbe8 per editare i file.

4. E’ inoltre necessario modificare i file “nagios.cfg” e “cgi.cfg” dal momento che alcune voci all’interno di questi file si riferiscono al percorso “/usr/nagios/etc” invece che “/flash1/user/nagios/etc”.

In “vi”, è possibile usare il seguente comando per sostituire tutte le voci

:%s;/usr/nagios/etc/;/flash1/user/nagios/etc/;g

5. Avvia Nagios: anche lo script usato per avviare Nagios è in una partizione di sola lettura

Occorre quindi creare un file “/flash1/user/etc/nagios” ed aggiungere la riga “NAGIOS_CFG=/flash1/user/nagios/etc/nagios.cfg” a questo file e salvarlo.

Dunque, tramite interfaccia web, selezionare la casella di fronte Nagios nella pagina “Configurazione di Sistema” e clicca su “Salva”.
L’interfaccia web Nagios è integrata con all'”Applicazione” tab. Username e password sono fissi.
La username è “nagiosadmin”, e la password è “admin”.

24- Quanti dati di sensori possono essere registrati su sP8L?
Esistono due modi per registrare/rappresentare graficamete i dati dei sensori su sP8L: RRD e JavaScript.

Se viene usato il grafico in JavaScript, il dispositivo avrà abbastanza memoria per salvare 8.640 dati per ciascun sensore. Ciò corrisponde a 90 giorni ad una frequenza di 15 minuti, o 6 giorno ad una frequenza di un minuto.

35.040 punti dati per ogni sensore possono essere memorizzati nel database dell’RRD Tool. Se i dati vengono registrati ogni 15 minuti, poi ci saranno abbastanza dati per visualizzare le misurazioni per un massimo di 1 anno. Oltre ad una maggiore capacità di dati, RRD è uno strumento altamente versatile di archiviazione di memoria.

I grafici possono essere tracciati con lo strumento di RRD, con l’interfaccia utente web-based. Il singolo grafico (giorno, settimana, mese e anno) per ogni tipo di sensore può essere personalizzato, semplicemente modificando il modello di script utilizzato per generare un grafico particolare.

Sui nostri dispositivi Linux, la partizione flash per i dati del sensore/storage grafico è di 32Mbytes. Non è possibile cambiarlo fino a quando non cominciamo a trasferire dei flash più grandi. Questo probabilmente accadrà in un mese o giùdi lì – siamo attualmente in fase di aggiornamento della CPU / board Flash sul sP8L.

Poichè ad ogni sensore di temperatura collegato ai nostri dispositivi Linux viene assegnato un proprio OID unico (Object Identification) sulla rete, si può anche utilizzare un programma freeware MRTG per rappresentare i valori di temperatura su un PC o su un sito web remoto. Il tool MRTG vota otterrà l’OID dei OID e memorizzerà i dati in un grafico. In questo modo Þ possibile espandere la memoria per l’archiviazione dei dati a tempo indeterminato. Possiamo aiutarvi a configurare il vostro strumento MRTG, e possiamo fornirvi dei semplici script per aiutarvi a cominciare.

25- Posso utilizzare dei sensori DC o dei sensori da 4-20mA personalizzati?
Il nostro prodotto si può integrare con i sensori personalizzati tramite il nostro sensore Voltmetro digitale o il sensore 4-20mA. Per l’integrazione con i sensori personalizzati, l’unità di testo può essere personalizzata per qualsiasi cosa si desideri, questo testo sarà visibile sulla pagina di riepilogo dell’interfaccia web. Tutti i numeri sono visualizzati in formato decimale.

Guarda la nostra demo online relativa al SensorPorbe2 su http://sp8.dnsalias.net:8085/ Potrai vedere tutte le impostazioni per il Voltmetro Digitale e per il sensore 4-20mAY cliccando sulla tabella dei Sensorsi, Poi sul menu di sinistra cliccando su Voltmetro Digitale, e selezionando sensore DC su ogni port number.

Sulle pagine di configurazione dei senori DC e da 4-20mA, è possibile visualizzare le letture sia come valori assoluti che in percentuale; è possibile personalizzare l’unità di misura per l’entità misurata. Il sensore esterno utilizzato dovrebbe avere un output come il segnale di un Voltmetro Digitale o un sensore da 4-20mA.

Vi consigliamo di trovare i sensori che meglio si addicono alle vostre esigenze, e poi faremo in modo che essi possano integrarsi con il SP2.

Per esempio abbiamo dei clienti che usano il nostro Voltmetro digitale per integrare sensore di pressione e sensore d’acqua. Abbiamo anche dei clienti che misurano le radiazioni utilizzando il nostro sensorProbe. L’utente può facilmente inserire le proprie etichette e scale di valori di output.

Se si etichetta l’uscita del sensore di MPA, i valori del sensore appariranno sulla pagina di riepilogo e nelle e-mail come MPa. Si può configurare la scala come assoluta, come 000-100 VAC o una percentuale come 0-100%. Se l’output del sensore viene contrassegnato come MPa, i valori del sensore appariranno nella pagina di riepilogo del sensore e nelle email come MPa. Si può configurare la scala di valori in modo che essi siano assoluti come 0-100 VAC o espressi in percentuale come 0-100%.
I dati memorizzati e i grafici tracciati sul sensorProbe avranno anche le etichette e le unità di scala corrette
Nota: Anche Le Email e gli SMS verranno visualizzati nelle unità configurate nella scala corretta

I segnali 4-20mA sono molto popolari nei sensori industriali, e sono particolarmente resistenti alle interferenze da disturbi elettromagnetici. Si noti che alcuni sensori e trasduttori possono richiedere un alimentatore supplementare, e in alcuni casi possono avere bisogno di altri componenti elettrici.

26- E’ possibile regolare la sensibilità del sensore di movimento?
E’ possibile regolare la sensibilità del sensore di movimento utilizzando il filtro di stato del sensore

Il filtro di stato del sensore consente di immettere un intervallo di tempo che deve passare prima che lo stato del sensore cambia – quindi filtrare il rumore nel segnale. Questo evita inutili invii di notifiche, dal momento che le fluttuazioni possono verificarsi durante le normali condizioni di lavoro.

1.Per trovarlo, accedi alla pagina delle impostazione del sensore di movimento dell’interfaccia web, e fai clic sul pulsante filtri di stato del sensore. Modifica il “il tempo continuo (secs) del sensore è per riportare il campo ad un valore diverso da zero.

27- Qual è la precisione di un convertitore da 4-20mA?
La precisione del convertitore da 4-20mA è del 2%
La risoluzione dei nostri convertitori da 4-20mA Þ pari a 0.1 mA.

E’ possibile utilizzare questi dati insieme congiuntamente all’accuratezza del sensore per dedurre la precisione globale delle vostre letture.  E’ anche possibile calibrare il convertitore 4-20mA.

28- Quali telefoni cellulari e modem GSM sono supportati?
Telefoni cellulari:
Serial Connection (COM1): Sony Ericsson T68i, T610.
Bluetooth: Sony Ericsson T68i, T610; Nokia Series 30, 60.

GPRS modem:
Fargo Maestro 20
Siemens TC35i Terminal, MC35i.
iTegno 3232E/3232I

29- Quali sono i modem vocali supportati?
I DLink DFM560E e DFM562E sono stati testati e funzionano per notifiche di chiamate vocali.

30- Quali Bluetooth USB dongle si possono usare con SensorProbe8Linux e cameraProbe8?
I seguenti USB dongle sono stati testati e funzionano per:
Billionton UBTCR3C1
LevelOne MDU-0005USB

31- Come faccio ad aggiornare il firmware su sensorProbe2 e su SensorProbe8?
Il seguente aggiornamento di firmware Þ per:
sensorProbe2
sensorProbe2-DC
sensorProbe8
sensorProbe8-X20
sensorProbe8-X60

Istruzioni:

1. Scarica il file .zip file ed estrai il suo contenuto sul tuo computer. Il contenuto estratto dovrebbe includere i seguenti file:
IPSetX.X.X.X.exe – questo Þ il programma che caricherà il firmware sul sensorProbe
spX_firmware_DD_MONTH_YY.zip – questo file contiene i file firmware
readme.txt – contiene istruzioni base

2. Raccomandiamo di connettere il computer al SensorProbe utilizzando un cavo crossover al sensorProbe per la procedura di aggiornamento.

3. Avvia il programma IPSet

4. Clicca il bottone Aggiornamento Sistema

5. Immetti l’indirizzo IP del tuo SensorProbe

6. Inserisci la password del tuo sensorProbe

7. Inserisci il nome e il percorso del tuo file firmware – e.g. c:\akcp\ spX_firmware_DD_MONTH_YY.zip

8. Clicca sul bottoneAggiornamento

Per ottenere un supporto, si prega di contattare support@akcp.com

Altre domande:

1. Ho scaricato il file .zip. Come posso aggiornare il mio firmware?
Decomprimi il file scaricato sul tuo computer, e segui le istruzioni contenute in questo file.

2. Dopo aver installato gli aggiornamenti, c’ bisogno di configurare qualcosa?
No. Dopo aver installato gli aggiornamenti, il dispositivo si riavvia. I dati storici del sensore verranno persi (si possono scaricare questi dati prima di iniziare l’aggiornamento). Tutte le impostazioni di configurazione che avete settato (le impostazioni di posta elettronica, sensori, ecc descrizioni) rimarranno intatte.
Sui nostri prodotti basati su Linux, (CP8, sP8L), c’Þ l’opzione di effettuare il backup di tutte le impostazioni di configurazione in un file – Þ possibile accedere a queste opzioni dalla pagina delle impostazioni. In questo modo potete rimanere tranquilli in caso di crash del sistema.
E’ inoltre possibile effettuare il backup dei file di configurazione sui dispositivi SP2 ed SP8 – utilizzate la nostra applicazione configure2.x per farlo. E’ possibile scaricare l’applicazione dal nostro sito web, oppure inviare una mail a support@akcp.com.

3. Questo aggiornamento cancellerà le mie impostazioni
No. Le impostazioni rimarranno inalterate

4. E’ possibile eseguire l’aggiornamento su Internet?
Si consiglia di eseguire l’aggiornamento collegando il sensorProbe al PC usando un cavo crossover.
Tuttavia, è anche possibile aggiornare il firmware via internet. Potrebbe essere lento, e sarà allora in quel caso necessario aprire delle porte sul router in uso, ma comunque funziona. Non esiste una procedura particolare per fare questo – semplicemente occorre eseguire l’aggiornamento in modo normale, utilizzando il nostro strumento di aggiornamento GUI per il SP2 e SP8, o la sezione di aggiornamento dell’interfaccia web sui sistemi basati su Linux.
La routine di aggiornamento del firmware salva l’integrità del codice caricato. C’Þ abbastanza memoria sul sensorProbe per memorizzare l’intero codice prima di effettuare l’aggiornamento flash.
Così se la connessione fallisce o se il trasferimento dei dati presenta degli errori, l’aggiornamento flash non sarà avviato, ed il vecchio codice rimarrà funzionante

Per i SensorProbe (sP2, sP8), utilizziamo il TFTP (UDP porta 69) per gli aggiornamenti firmware.

5. Dove posso ottenere maggiori informazioni o un aiuto?
E’ possibile mandare una mail a support@akcp.com. Cenrchiamo di rispondere a tutte le mail di richiesta supporto nel giro di poche ore.

32- Come posso aggiornare il firmware su Cameraprobe8 o su sensorProbe8Linux?

Questo aggiornamento di firmware vale per:
CameraProbe8
sensorProbe8Linux
sensorProbe8L-X20
sensorProbe8L-X60

Contenuti del file firmware_cp-XXX.zip:

1. cp-XXXX.bin
2. lnuxIPSet5.5.3.0.exe

Contenuti del file firmware_cp-XXX.zip:

1. Scarica il file .zip file ed estrai il suo contenuto sul computer. Il contenuto estratto include i seguenti file:
lnuxIPSetX.X.X.X.exe – questo programma può essere usato per per aggiornare il firmware sul SensorProbe, se non è possibile accedere tramite interfaccia web.
cp-XXXx.bin – questo file contiene il firmware

2. Raccomandiamo di connttersi al computer per usare il sensorProbe utilizzando un cavo crossover per la procedura di aggiornamento.

3. Loggarsi all’interfaccia web del sensorProbe8Linux
cameraProbe8, come amministratore

4. Seleziona la scheda Impostazioni

5. Clicca su Manutenzione nel menu a sinistra dell’interfaccia web

6. Clicca su Aggiornamento sotto Sistema Aggiornamento Firmware

7. Riceverai un messaggio d’avviso circa il riavvio del dispositivo in modalità aggiornamento – Clicca su OK per continuare

8. Il dispositvo si riavvierà in modalità aggiornamento – per far questo occorreranno 30 secondi, dopo i quali sarete reindirizzati alla pagina di modalità aggiornamento

9. Segui le istruzioni sullo schermo, e quando viene richiesto di selezionare il file firmware da caricare, fare clic sul pulsante Sfoglia e selezionare il file “cp-xxx.bin”.

10. Successivamente, cliccare su “Aggiornamento”. Il processo di aggiornamento richiederà circa 60 minuti.

L’aggiornamento dovrebbe terminare senza alcun errore e riceverete il messaggio “Aggiornamento Completato”. CameraProbe8/ sensorProbe8Linux verranno automaticamente riavviati in modalità normale.

Nota: Potrete ricevere un messaggio dal broswer mentre si sta caricando l’interfaccia web. Ignorate il messaggio, e aprite l’interfaccia web inserendo l’indirizzo IP address di cameraProbe8/ sensroProbe8 nel browser web.

L’aggiornamento è così terminato. Dall’interfaccia web, cliccare su “Impostazioni” Sulla rigaDescrizione Sistema, dovrebbe essere visualizzato il numero di versione “CP-MXLVxxx”.

Altre domande:

1. Ho scaricato il file .zip. Come posso aggiornare il mio firmware?
Decomprimi il file scaricato sul tuo computer e segui le istruzioni contenute in questo file.

2. Dopo aver installato gli aggiornamenti, c’è bisogno di configurare qualcosa?
No. Dopo aver installato gli aggiornamenti, il dispositivo verrà riavviato. I dati storici del sensore verranno persi (puoi scaricare questi dati prima di cominciare l’aggiornamento). Tutte le impostazioni di configurazione che sono state fatte (impostazioni descrizione sensore etc) rimarranno intatte.
Sui nostri prodotti basati su Linux (cP8, sP8L), c’è un’opzione per effettuare il backup di tutte le impostazioni di configurazione su un file. E’ possibile accedere a queste opzioni dalla pagina delle impostazioni. In questo modo sarete tutelati in caso di crash del sistema.

3. In questo modo verranno cancellate le mie impostazioni iniziali?
No. Le impostazioni rimarranno inalterate.

4. Posso eseguire l’aggiornamento su internet?
Raccomandiamo di eseguire l’aggiornamento connettendo il sensorProbe al tuo PC utilizzando un cavo crossover.
Comunque, è anche possibile aggiornare il firmware su internet. Potrebbe essere lento, e in quel caso si avrà bisogno di aprire le porte sul router che si sta utilizzando, ma è funzionante. Non esiste una procedura speciale per farlo – semplicemente esegui l’aggiornamento in modalità normale, utilizzando il nostro tool GUI di aggiornamento per il sP2 e il sP8, o la sezione di aggiornamento dell’interfaccia web sui sistemi basati su Linux.
La routine di aggiornamento del firmware controlla l’integrità del codice di aggiornamento. C’è abbastanza memoria sul SensorProbe per memorizzare l’intero codice di aggiornamento prima di effettaure l’aggiornamento flash.
Così, se la connessione fallisce o se il trasferimento dati presenta degli errori, l’aggiornamento flash non sarà avviato, ed il vecchio codice rimarrà funzionale.

Per i modelli Linux del sensorProbe(sP8L, cP8), usiamo l’ HTTP (TCP porta 80) per gli aggiornamenti firmware.

5. Dove posso ottenere supporto o maggiori informazioni?
E’ possibile inviare una mail di richiesta supporto a support@akcp.com. Cerchiamo di rispondere a tutti nel giro di poche ore dalla ricezione della mail.

33- Quali dongle WiFi sono supportati da cameraProbe8?
I nostri prodotti sensorProbe8Linux, securityProbe e cameraProbe8 (USB) supportano i seguenti adattatori WiFi:
PLANET 54Mbps Wireless LAN USB Adapter (model: WL-U356)
X-Micro WLAN 11g 54Mbps USB Adapter (model: XWL-11GUZX)
Questi adattatori WiFi usano il chipset ZD1211, che include i driver Linux.

34- Quali porte vengono utilizzate dal cameraProbe8 per lo streaming video tramite l’applet Java o ActiveX?
Sono richieste le porte UDP 809, 810, 811 and 812

35- L’immagine da una fotocamera collegata non viene visualizzata nella pagina di riepilogo dell’interfaccia web (dispositivi CP8 e sP8L). Perchè?
Controllare che la fotocamera è collegata, accesa, e che tutte le vostre macchine fotografiche usano lo stesso formato video (NTSC o PAL). Per controllare, andate nella scheda Impostazioni, fate clic su Impostazioni della fotocamera, quindi fare clic su Impostazioni Avanzate fotocamera. Nella pagina che viene visualizzata, premere prima il pulsante Controlla Sistema Video nella parte superiore della pagina. In questo modo verrà effettuata la scansione del dispositivo per le telecamere collegate, che può richiedere qualche secondo. Una volta che il sistema ha riconosciuto la fotocamera, selezionate la casella Abilita Camera per tutte le telecamere che si desidera attivare. Fate clic sul pulsante Anteprima per visualizzare l’immagine della fotocamera temporaneamente in una finestra pop-up. Se le telecamere non vengono rilevate, si prega di inviare una email a support@akcp.com. Si prega di notare che tutte le telecamere collegate devono avere lo stesso formato video (NTSC o PAL), per garantire che le immagini vengano visualizzate correttamente.

 

Ripe Ncc Member
vmware
CloudLinux
Plesk
HP
Microsoft