Contatta il reparto vendite 800 13.40.41 | Richiedi il Supporto Partner EN flag

Articoli

Icona delle News




Hack di SolarWinds

01/04/21 CoreTech Blog

Cosa è successo a SolarWinds?

Se non sei aggiornato sulle novità: il software di monitoraggio della rete SolarWinds Orion, utilizzato da oltre 18.000 organizzazioni in tutto il mondo, è stato compromesso diversi mesi fa. Un aggiornamento, scaricabile dal server degli aggiornamenti SolarWinds, è stato avvelenato da una backdoor dannosa. Questa backdoor ha consentito agli autori di minacce sconosciute di spiare i clienti di SolarWinds Orion e potenzialmente di controllare i loro sistemi da remoto o di entrare nelle loro reti.

Il vettore di attacco originale rimane sconosciuto ma ci sono indizi che potrebbero darci un'idea di ciò che è accaduto originariamente. Poiché le prime tracce di backdoor utilizzate risalgono a marzo 2020, è molto probabile che SolarWinds sia stato violato all'inizio del 2020 o alla fine del 2019. Ciò è in linea con alcuni Tweet che suggeriscono che SolarWinds avesse un repository aperto su GitHub e utilizzava password deboli. Questo non sarebbe affatto sorprendente. I repository accessibili apertamente e i database esposti sono responsabili di alcuni dei più grandi attacchi degli ultimi anni e le vulnerabilità comuni delle password sono spesso la causa alla base di importanti intrusioni.

Banner

Un altro potenziale vettore è che l'account SolarWinds Office 365 è stato presumibilmente compromesso, secondo le informazioni che SolarWinds ha ricevuto da Microsoft. SolarWinds ritiene che i dati contenuti nelle e-mail potrebbero aver consentito agli aggressori di ottenere l'accesso ad altri sistemi (il che suggerisce anche una cattiva cultura della posta elettronica: non dovresti usare la posta elettronica per inviare dati sensibili). Ciò suggerisce ancora una volta che potrebbe essere stata una politica delle password debole a essere stata la causa alla base della violazione. Ricorda, basta un solo utente con una password debole per un hacker dannoso per entrare.

Conclusioni dal SolarWinds Hack

Mentre l'hack in sé molto probabilmente non è niente fuori dall'ordinario, ciò che è molto fuori dall'ordinario in questa situazione è il fatto che a lungo è rimasto da scoprire. Questo è ciò che suggerisce che mentre la vulnerabilità avrebbe potuto essere banale, lo sfruttamento in sé non lo era. Gli aggressori, chiunque essi siano realmente, hanno prestato molta attenzione a non essere individuati in tutte le reti infiltrate. Questo è il motivo per cui si ritiene che debba essere stata un'importante operazione di intelligence.

Ciò porta alla conclusione che anche se si considera una vulnerabilità o una risorsa solo di minore importanza, può essere utilizzata dall'aggressore per intensificare i propri sistemi, ad esempio una semplice iniezione SQL su un database che non contiene dati personali può portare a un completo compromesso del sistema . Quel che è peggio, l'attaccante può quindi utilizzare i tuoi sistemi compromessi per eseguire un attacco agli altri, un attacco che potrebbe essere ancora più difficile da rilevare, come nel caso di SolarWinds.

Un'altra conclusione importante da questo hack è che se SolarWinds Orion fosse un prodotto cloud, l'hack non sarebbe possibile perché non ci sarebbero aggiornamenti scaricabili. Se le organizzazioni non avessero reti interne (se avessero tutte le loro applicazioni nel cloud) e non avessero mai avuto bisogno di Orion in primo luogo, non succederebbe neanche. Questa potrebbe essere un'altra spinta per le organizzazioni a spostare le proprie risorse nel cloud. Tuttavia, non devono dimenticare che il cloud ha anche i suoi problemi di sicurezza. E uno di questi problemi di sicurezza è il fatto che tutte le app Noi siamo profondamente preoccupati per le conseguenze dell'hacking di SolarWinds e offriamo le nostre più sentite commiserazioni a tutto il personale di sicurezza che sta affrontando questa situazione appena prima di Natale, e agli stessi SolarWinds che sono stati un agente riluttante al compromesso di più di 18.000 organizzazioni.

Allo stesso tempo, vorremmo rassicurare i nostri clienti, partner e potenziali clienti che non siamo clienti di SolarWinds e quindi non siamo in alcun modo influenzati da questo attacco. Come sempre, continuiamo a prestare la massima attenzione per garantire che il nostro software locale e online e i nostri server di download degli aggiornamenti non siano compromessi in alcun modo.

Come risolvere?

Per proteggere tutte le tue risorse web, la soluzione migliore è iniziare con uno scanner di vulnerabilità web.

 


Articoli su Sicurezza

Come difendersi dagli attacchi recenti su Microsoft Exchange5 principali vantaggi dei primi test di sicurezzaTecniche di attacco Denial-of-Service con avvelenamento della cacheQuali principali attacchi web possiamo aspettarci nella nuova top 10 di OWASP?Hack di SolarWindsPillole di Sicurezza | Episodio 38Pillole di Sicurezza | Episodio 37Perché gli sviluppatori evitano la sicurezza e cosa puoi fare al riguardoPillole di Sicurezza | Episodio 36Cos'è l'attacco RUDYCos'è la navigazione forzataCome gli scanner trovano le vulnerabilitàPillole di Sicurezza | Episodio 34Pillole di Sicurezza | Episodio 35Come eseguire il benchmark di uno scanner di vulnerabilità Web?Pillole di Sicurezza | Episodio 33Pillole di Sicurezza | Episodio 325 proposte di vendita comuni sulla sicurezza delle applicazioni web5 motivi per non fare affidamento sui programmi BountyPillole di Sicurezza | Episodio 315 motivi per cui la sicurezza web è importante quanto la sicurezza degli endpointPillole di Sicurezza | Episodio 305 motivi per cui la sicurezza web è importante per evitare il ransomwarePillole di Sicurezza | Episodio 293 motivi per cui DAST è il migliore per la sicurezza delle applicazioni WebPillole di Sicurezza | Episodio 28Pillole di Sicurezza | Episodio 27Pillole di Sicurezza | Episodio 24Pillole di Sicurezza | Episodio 25Pillole di Sicurezza | Episodio 21Pillole di Sicurezza | Episodio 22Pillole di Sicurezza | Episodio 20Pillole di Sicurezza | Episodio 17Il flag HttpOnly: protezione dei cookie da XSSPillole di Sicurezza | Episodio 16Il Bug Heartbleed – I vecchi Bug sono duri a morirePillole di Sicurezza | Episodio 15Pillole di Sicurezza | Episodio 14Pillole di Sicurezza | Episodio 13Pillole di Sicurezza | Episodio 12Pillole di Sicurezza | Episodio 11Pillole di Sicurezza | Episodio 10Sicurezza delle reti: gli hacker puntano CitrixCyber hacking: la Germania chiede l’intervento dell’UESicurezza informatica: Cisco rilascia aggiornamentiOcchio al cryptojacking: malware infiltrato in Docker HubSIGRed: bug di sistema in Windows Server scovato dopo 17 anniPillole di Sicurezza | Episodio 9Summit Live - Disponibili le registrazioni delle live di MonteleoneCriminalità informatica: Schmersal sventa un cyber-attaccoPillole di Sicurezza | Episodio 8Pillole di Sicurezza | Episodio 7Analisi pratica dei rischi per il SysAdmin, DevOps e Dev | Summit LivePillole di Sicurezza | Episodio 6Pillole di Sicurezza | Episodio 5Pillole di Sicurezza | Episodio 4Pillole di Sicurezza | Episodio 3Pillole di Sicurezza | Episodio 2Pillole di Sicurezza | Episodio 1Pillole di Sicurezza | Episodio 23
Ripe Ncc Member
vmware
CloudLinux
Plesk
HP
Microsoft