EN flag
Listino Supporto Partner Contatti 800 13.40.41

Articoli

Icona delle News




Come eseguire il benchmark di uno scanner di vulnerabilità Web?

Come eseguire il benchmark di uno scanner di vulnerabilita Web

22/02/21 CoreTech Blog

Hai preso la decisione giusta per migliorare la tua posizione sulla sicurezza delle applicazioni web ed eseguire una scansione regolare delle applicazioni web. Tuttavia, ci sono diversi rinomati scanner di vulnerabilità web sul mercato e devi sceglierne uno. Come si fa a farlo?

Come primo passo, probabilmente hai ricercato tutte le opzioni e selezionato un elenco di prodotti che potrebbero soddisfare le tue esigenze. Quindi, hai verificato se i produttori di questi prodotti sono rinomati e affidabili e se i prodotti hanno buone valutazioni da altri clienti . Probabilmente hai letto anche molte descrizioni delle funzionalità e forse anche qualche documentazione di supporto per questi prodotti. Hai richiesto una demo , hai ricevuto una versione di prova del prodotto e ora hai lo strumento per testare. E adesso cosa?

Ovviamente puoi iniziare testando la versione di prova di ogni strumento con i tuoi siti web e applicazioni web. Tuttavia, a meno che tu non sia stato molto permissivo con la sicurezza, non troverai molti tipi di vulnerabilità e non avrai idea di quanto sarà efficace lo strumento in futuro. Puoi anche testare lo strumento con siti Web intenzionalmente vulnerabili forniti dal produttore dello strumento (se presente) ma non sarai in grado di vedere o modificare il codice dell'applicazione, quindi potrebbe non essere sufficiente. Cos'altro puoi fare?

Applicazioni intenzionalmente vulnerabili al salvataggio

Aspiranti penetration tester e ricercatori di sicurezza hanno problemi simili ai tuoi. Hanno bisogno di una sorta di banco di prova per apprendere e verificare le proprie capacità. Non sarebbe molto efficiente se creassero le proprie vulnerabilità e poi cercassero di scoprirle. Ecco perché si affidano ad applicazioni intenzionalmente vulnerabili.

Le applicazioni intenzionalmente vulnerabili sono generalmente sviluppate come open source. Molto spesso, vengono forniti come pacchetti pronti per l'installazione con un server Web locale e un database locale. Puoi eseguirli in silos completamente indipendenti dal tuo ambiente attuale. Gli analisti della sicurezza possono esercitare le proprie abilità manuali su tali applicazioni, ma queste app sono altrettanto utili per valutare gli scanner di vulnerabilità del Web. Anche i benchmarker professionisti utilizzano tali applicazioni come base per la valutazione dello scanner.

Banner

Ecco gli esempi più notevoli di applicazioni web intenzionalmente vulnerabili rinomate e continuamente sviluppate. 

  • DVWA (Damn Vulnerable Web Application)è un progetto open source sviluppato dal team DVWA e ospitato su GitHub. È un'applicazione scritta in PHP / MySQL che contiene molte vulnerabilità previste, sia documentate che non documentate.
  • OWASP Juice Shopè un progetto open source sviluppato dalla Fondazione OWASP. È un'applicazione scritta in Node.js, Express e Angular. Sostiene di essere l'applicazione web intenzionalmente vulnerabile più avanzata.
  • bWAPP (Buggy Web Application)è un progetto open source. Simile a DWVA, è scritto in PHP con un database MySQL.

Ci sono altre applicazioni simili disponibili sul web. Tuttavia, le tre precedenti sono un buon punto di partenza. 

 


Articoli su Sicurezza

Cos'è la navigazione forzataCome gli scanner trovano le vulnerabilitàCome eseguire il benchmark di uno scanner di vulnerabilità Web?5 proposte di vendita comuni sulla sicurezza delle applicazioni web5 motivi per non fare affidamento sui programmi BountyPillole di Sicurezza | Episodio 315 motivi per cui la sicurezza web è importante quanto la sicurezza degli endpointPillole di Sicurezza | Episodio 305 motivi per cui la sicurezza web è importante per evitare il ransomwarePillole di Sicurezza | Episodio 293 motivi per cui DAST è il migliore per la sicurezza delle applicazioni WebPillole di Sicurezza | Episodio 28Pillole di Sicurezza | Episodio 27Pillole di Sicurezza | Episodio 24Pillole di Sicurezza | Episodio 25Pillole di Sicurezza | Episodio 21Pillole di Sicurezza | Episodio 22Pillole di Sicurezza | Episodio 20Pillole di Sicurezza | Episodio 17Il flag HttpOnly: protezione dei cookie da XSSPillole di Sicurezza | Episodio 16Il Bug Heartbleed – I vecchi Bug sono duri a morirePillole di Sicurezza | Episodio 15Pillole di Sicurezza | Episodio 14Pillole di Sicurezza | Episodio 13Pillole di Sicurezza | Episodio 12Pillole di Sicurezza | Episodio 11Pillole di Sicurezza | Episodio 10Sicurezza delle reti: gli hacker puntano CitrixCyber hacking: la Germania chiede l’intervento dell’UESicurezza informatica: Cisco rilascia aggiornamentiOcchio al cryptojacking: malware infiltrato in Docker HubSIGRed: bug di sistema in Windows Server scovato dopo 17 anniPillole di Sicurezza | Episodio 9Summit Live - Disponibili le registrazioni delle live di MonteleoneCriminalità informatica: Schmersal sventa un cyber-attaccoPillole di Sicurezza | Episodio 8Pillole di Sicurezza | Episodio 7Analisi pratica dei rischi per il SysAdmin, DevOps e Dev | Summit LivePillole di Sicurezza | Episodio 6Pillole di Sicurezza | Episodio 5Pillole di Sicurezza | Episodio 4Pillole di Sicurezza | Episodio 3Pillole di Sicurezza | Episodio 2Pillole di Sicurezza | Episodio 1Pillole di Sicurezza | Episodio 23
Ripe Ncc Member
vmware
CloudLinux
Plesk
HP
Microsoft