Request Support  | Contact Sales

KNOWLEDGE BASE

Knowledge Base
1Backup
Acronis
Antivirus
Email
Firewall
GFI Software
Mail
Monitoring
N-Able
Sicurezza
TSPlus
× Non sei ancora nostro cliente Eset? Diventa Partner CoreTech e visita il nostro configuratore prezzi

ESET - File Security - Controllo Hyper-V

Il Controllo delle Hyper-V con File Security di Eset

Questo tipo di controllo consente all'utente di controllare i dischi di un Microsoft Hyper-V Server, ovvero di una macchina virtuale (Virtual Machine o VM che dir si voglia), senza che sia necessario aver installato alcun agente su di essa. ESET Security è installato utilizzando privilegi amministrativi per il server Hyper-V.

La versione corrente del controllo Hyper-V supporta il controllo del sistema virtuale on-line o off-line in Hyper-V. I tipi supportati di controllo in base al sistema Windows Hyper-V ospitato e lo stato del sistema virtuale sono descritti nella tabella seguente. 

Sistemi virtuali con funzione Hyper-V

Windows Server 2008 R2 Hyper-V

Windows Server 2012 Hyper-V

Windows Server 2012 R2 Hyper-V

Windows Server 2016 Hyper-V

machina virtuale on-line

nessun controllo

di sola lettura

di sola lettura

di sola lettura

macchina virtuale off-line

di sola lettura/controllo

di sola lettura/controllo

di sola lettura/controllo

di sola lettura/controllo

Banner

Requisiti hardware del server Hyper-V

Il server non deve presentare problemi di prestazioni nell'esecuzione delle macchine virtuali. L’attività di controllo utilizza principalmente le risorse della CPU.

Per controllare le VM on-line, è necessario che vi sia dello spazio libero su disco. Lo spazio su disco deve essere almeno il doppio dello spazio utilizzato dai punti di controllo/dagli snapshot e dai dischi virtuali.

Occorre inoltre tenere presenti le seguenti limitazioni specifiche.

  • Il controllo dell'archiviazione RAID, i volumi con spanning e i Dischi dinamici non sono supportati a causa della natura dei dischi dinamici; quindi se possibile, si consiglia di evitare di utilizzare il tipo di disco dinamico nelle VM.
  • Il controllo viene sempre eseguito sulla macchina virtuale corrente e non incide sui punti di controllo o gli snapshot.
  • Il controllo Hyper-V sull'host di un cluster non è attualmente supportato da ESET File Security.
  • Il controllo delle macchine virtuali su un host Hyper-V in esecuzione su Windows Server 2008 R2 può essere eseguito esclusivamente in modalità di sola lettura (Nessuna pulizia), indipendentemente dal livello di pulizia selezionato nei parametri di ThreatSense. 

Notate che mentre ESET Security supporta il controllo dei dischi virtuali MBR, il controllo di sola lettura è l’unico metodo supportato per queste destinazioni. È possibile modificare questa impostazione in Configurazione avanzata > Antivirus > Controllo Hyper-V > parametri ThreatSense > Settori di avvio. 

Convenzione sulla denominazione delle VM

Il modulo di controllo Hyper-V utilizza la seguente convenzione di denominazione:

NomeMacchinaVirtuale\DiscoX\VolumeY

dove X è il numero dei dischi e Y è il numero dei volumi.

ad esempio:

Computer\Disk0\Volume1

Il suffisso del numero viene aggiunto in base all'ordine di rilevamento ed è identico a quello visualizzato in Gestione disco della VM.

Tale convezione di denominazione viene utilizzata nell'elenco strutturato ad albero delle destinazioni da controllare, sulla barra di avanzamento e anche nei file di rapporto.

Controllo di macchina virtuale da non in linea: stato Spento

ESET File Security utilizza gli strumenti di gestione Hyper-V per rilevare ed effettuare la connessione ai dischi virtuali. Ciò consente a ESET File Security di accedere al contenuto dei dischi virtuali come se accedesse ai dati e ai file su un'unità generica.

Controllo di macchina virtuale in linea: stato In esecuzione, Sospeso, Salvato

ESET File Security utilizza gli strumenti di gestione Hyper-V per rilevare i dischi virtuali. Non è possibile effettuare la connessione effettiva a questi dischi, di conseguenza ESET File Security crea un punto di controllo/uno snapshot della macchina virtuale a cui effettuare la connessione. Al termine del controllo, il punto di controllo/lo snapshot viene eliminato; ciò significa che il controllo in modalità di sola lettura può essere eseguito, in quanto l’esecuzione delle macchine virtuali non subisce modifiche a causa dell’attività di controllo.

Ciò consente a ESET Security di creare uno snapshot o un punto di controllo durante il controllo in un intervallo di tempo massimo di un minuto. È necessario tenere conto di questa informazione qualora si decida di eseguire un controllo Hyper-V su un numero maggiore di macchine virtuali. 

Esecuzione di un controllo in ESET File Security

Esistono tre opzioni per eseguire un controllo, ossia:

  • su richiesta; in questo caso dovete fare clic su Controllo Hyper-V per visualizzare un elenco di macchine virtuali e di volumi disponibili per il controllo, da cui selezionare una o più macchine virtuali, dischi o volumi che si desidera controllare e fare clic su Controlla;
  • tramite la pianificazione attività;
  • tramite ESET Remote Administrator come attività client denominata Controllo server.

È possibile eseguire contemporaneamente più controlli Hyper-V. Al termine del controllo, l'utente riceverà una notifica contenente un collegamento ai file del rapporto.

Quando si esegue il controllo di una macchina virtuale in linea, è necessario creare un punto di controllo/uno snapshot della macchina virtuale in questione e, durante la creazione di un punto di controllo/uno snapshot, alcune azioni generiche della macchina virtuale potrebbero essere limitate o disattivate.

Se una macchina virtuale non in linea viene sottoposta al controllo, non può essere attivata fino al termine dell'operazione.

Hyper-V Manager consente all'utente di denominare due macchine virtuali differenti in maniera identica e ciò rappresenta un problema quando si tenta di differenziare le macchine durante la consultazione dei rapporti di controllo.