Request Support  | Contact Sales

Diventa Autore per CoreTech | Scopri di più





Come effettuare la clonazione di un software - Guida aggiornata

17/07/23 Giammarco Iannelli Blog

×Non sei ancora nostro cliente Acronis? Diventa Partner CoreTech e visita il nostro configuratore prezzi

Un clone è una copia identica. Abbiamo clonato le pecore e magari un giorno cloneremo anche le persone, ma la clonazione dei dischi (eseguita da un software di clonazione dei dischi rigidi) è uno strumento essenziale per gestire e proteggere i dati. Esaminiamo da vicino quello che può fare un software di clonazione dei dischi rigidi, iniziando dai concetti di base.

Essenzialmente, la clonazione di un disco consiste nel copiare esattamente tutte le informazioni del disco rigido di un computer su un altro disco. Come passaggio intermedio, spesso i contenuti del primo disco vengono scritti su un file di immagine con cui poi si crea il secondo disco.

Banner

Che cos'è un software di clonazione?

Un software di clonazione dei dischi rigidi replica il sistema operativo, le unità, i software e le patch di un computer. Elimina il laborioso processo tecnico che consiste nel reinstallare e riconfigurare manualmente un sistema per consentire di eseguire una o più delle operazioni seguenti:

  • Riavviare e ripristinare un computer con una versione precedente
  • Configurare più computer con configurazioni identiche
  • Sostituire un disco rigido con uno più grande o sostituire un disco danneggiato
  • Ripristinare completamente il sistema in caso di problemi software o di guasto del computer
Acronis

Per che cosa si usano i software di clonazione?

Alcuni utenti sono convinti che lo stesso risultato di un software di clonazione dei dischi si possa ottenere trasferendo i dati con un'operazione di copia-incolla. Tuttavia, in molti casi copiare e incollare non è sufficiente, per svariati motivi:

  • La copia dei collegamenti reali/simbolici non avviene correttamente
  • I file di sistema protetti non si possono spostare, leggere o scrivere con software controllati dall'utente
  • Il disco di destinazione deve contenere le stesse partizioni di quello di origine

I software di clonazione dei dischi aggirano i problemi di cui sopra perché clonano integralmente il disco rigido e consentono di scegliere fra varie opzioni per l'archiviazione dei cloni. Il disco clonato si può conservare sullo stesso computer, laptop o server. Una scelta più sicura consiste nell'archiviare l'immagine del disco su un dispositivo esterno, un server off-site o su cloud.

I casi d'uso principali per i software di clonazione dei dischi sono i seguenti:

  • Trasferimento dei dati da un PC a un laptop tramite migrazione del disco clonato sulla nuova piattaforma
  • Sostituzione di un disco rigido con un'unità SSD sullo stesso laptop
  • Ripristino e riattivazione di unità
  • Backup e ripristino di sistemi

I software di clonazione dei dischi facilitano la gestione e la migrazione dei dati, anche per gli utenti occasionali.

Eliminano la necessità di aggiornare manualmente un nuovo sistema. Poiché il disco clonato contiene tutti i dati, le preferenze, le patch e le specifiche del sistema, è sufficiente trasferirlo sul nuovo disco rigido (o SSD) e il gioco è fatto.

Nota: i software di clonazione dedicati sono dotati di un'interfaccia intuitiva e di avvisi per richiamare l'attenzione degli utenti alle prime armi. Tuttavia, anche se sei un esperto di clonazione, è meglio creare un backup tradizionale dell'unità prima di clonarla.

Windows 10 è dotato di un software di clonazione?

Sì... e no.

Windows 10 è dotato di una funzione software di imaging del disco gratuita di nome "Immagine del sistema". Questa opzione permette di clonare il disco rigido (o SSD) su un'unità supporti esterna come un disco rigido, un NAS, un'unità flash USB, un DVD, ecc.

Il disco clonato includerà i file di installazione del sistema, le applicazioni, i file multimediali e le impostazioni di Windows. Tuttavia, il backup sarà compresso come file di immagine.

La differenza tra clonazione del disco e creazione di un'immagine del disco sta nel volume e nella disponibilità del prodotto. Con la clonazione del disco si ottiene una copia esatta di qualsiasi disco rigido, pronta per essere utilizzata subito sullo stesso sistema o su un altro

(si può anche usare un software di clonazione diretta dei dischi per migrare tutti i contenuti del disco rigido su un disco di destinazione attivo, evitando così di usare un'unità intermedia per memorizzare il disco clonato).

La creazione di un'immagine del disco, invece, crea una copia esatta del disco rigido ma la comprime in modo che occupi meno spazio in memoria. Se vuoi usare l'immagine del disco, devi aspettare che venga decompressa (procedura che solitamente richiede fino a 40 minuti)

Se desideri provare il software di imaging integrato di Windows, segui le istruzioni qui di seguito.

Dopo avere configurato Windows secondo le tue preferenze, puoi creare un'immagine Windows e un'unità di ripristino da usare in caso di mancato avvio del sistema operativo, di un suo malfunzionamento o di un guasto hardware.

Come utilizzare l'imaging dei dischi integrato di Immagine del sistema di Windows

  1. Aprire il Pannello di controllo (si può premere Windows + X e poi fare clic sul menu Pannello di controllo)
  2. Dalla finestra del Pannello di controllo, scegliere "Backup e ripristino (Windows 7)"
  3. Sotto "Pagina iniziale Pannello di controllo", fare clic su "Crea un'immagine di sistema".
  4. Scegliere un disco di destinazione per l'immagine del disco: "Su un disco rigido""Su uno o più DVD" o "In un percorso di rete".
  5. Se si usa un disco rigido esterno (o un'unità di avvio USB), controllare che sia collegato e acceso. Windows dovrebbe rilevarlo automaticamente. Fare clic su "Avanti".
  6. Fare clic su "Avvia backup" per iniziare la procedura di clonazione del disco, che può richiedere più o meno tempo a seconda delle dimensioni del backup.
  7. Una volta completata la creazione dell'immagine del disco, si può chiudere la procedura guidata e creare un disco di ripristino del sistema. Quest'ultima operazione è utile soprattutto se non si dispone di una copia fisica di Windows 10 per la reinstallazione.

Qual è la differenza tra il software di clonazione gratuito di Windows 10 e un software di clonazione avanzato?

Un software di clonazione dei dischi gratuito non offre agli utenti molte opzioni per il backup dei dati. Ad esempio, Windows permette di scegliere l'unità di cui fare il backup e dove archiviare l'immagine.

Inoltre, la funzione "Backup e ripristino" offre due sole opzioni di backup: "Selezione manuale" o "Selezione automatica".

Se si sceglie la seconda, Windows copierà i dati da tutte le cartelle predefinite all'immagine di backup. Se si interferisce, Windows non permetterà di eseguire il backup dei seguenti elementi:

  • File presenti su un disco rigido con formattazione FAT
  • File del "Cestino"
  • File temporanei su unità più piccole (inferiori a 1 GB)
  • File nelle cartelle di sistema di Windows
  • Dischi e partizioni sprovvisti di una lettera di unità

Inoltre, sullo stesso supporto di storage si può archiviare una sola immagine del disco di Windows. Per poter ripristinare immagini del disco di snapshot diverse del sistema, bisogna disporre di più unità di storage.

Infine, "Backup e ripristino" non supporta i backup su cloud, per cui non sarà possibile usare uno spazio cloud come archivio. Ora, vediamo che cosa offrono agli utenti i migliori software di clonazione.

Un software di gestione del disco completo

Un software di clonazione dei dischi rigidi dedicato è progettato per integrare una procedura di backup completa.

Le soluzioni di clonazione dei dischi dedicate eseguono i processi di base e di imaging alla perfezione, ma offrono numerose funzioni avanzate.

L'utente ha un maggiore controllo sulla clonazione dei dischi, risparmia tempo e fatica e inoltre usufruisce di migliori strumenti di protezione dei dati.

  • Gestione remota

Per gli utenti occasionali, gestire la clonazione dei dischi per un singolo sistema è abbastanza semplice. Tuttavia, un software di clonazione dei dischi gratuito raramente è utile se è necessario clonare dischi su vari dispositivi.

Banner

Fanno eccezione le piattaforme di clonazione open source come Clonezilla lite server, che tuttavia possono essere difficili da configurare e non supportano opzioni di backup avanzate.

I software di clonazione dei dischi rigidi a pagamento consentono la gestione remota di centinaia di sistemi. È sufficiente installare un agente di backup su ogni PC o laptop da clonare per controllare il processo di backup dall'interfaccia utente amministratore della soluzione.

(dal momento che a ciascuno dei sistemi è collegata un'unità di storage per il clone corrispondente o che si usa un cloud storage per i dischi clonati)

  • Pianificazione

I migliori software di clonazione dei dischi consentono un controllo completo sulla pianificazione dei backup dei dati. Si può decidere la frequenza di clonazione dei dischi, dove archiviare i cloni, quali backup conservare e per quanto tempo, e così via.

Quasi tutte le moderne soluzioni visualizzano tutte le opzioni di backup sulla console principale, agevolando così la personalizzazione del processo.

  • Affidabilità

I dischi clonati sono utili solo se si possono utilizzare e gestire in modo efficace. Se hai usato spesso software di clonazione dei dischi gratuiti, probabilmente ti sarà capitato di trovare qualche immagine o clone danneggiato.

Banner

Le soluzioni dedicate testano e verificano l'integrità dei dati di backup per garantire che siano sempre disponibili per ripristinare le immagini dei backup. Gli strumenti gratuiti raramente prevedono questa possibilità.

  • Opzioni di ripristino del software

I software di clonazione dei dischi rigidi dedicati prevedono un maggior numero di opzioni di ripristino.

È possibile ripristinare interi dischi rigidi, un'immagine di backup del sistema specifica o singoli file e cartelle. È possibile montare le immagini dei dischi o esplorare un disco rigido clonato come se fosse una normale unità, e poi copiare i file desiderati e trasferirli dall'unità di origine a un sistema a scelta.

Esiste una differenza tra software di backup e di clonazione dei dischi?

Be', naturalmente, l'obiettivo è proteggere i dati. Non è a questo che servono i software di backup?

Non proprio.

I software di backup dell'immagine completa e i software di backup di file e cartelle non sono uguali ai software di clonazione dei dischi, anche se i motivi per cui si usano a volte coincidono. Ecco alcune indicazioni utili su quando usare gli uni o gli altri:

Usa un software di backup quando desideri:

  1. Eseguire il backup di singoli file o cartelle su cloud per garantirti una protezione off-site e l'accesso remoto.
  2. Eseguire periodicamente il backup di un intero computer. Il backup dell'immagine dei dischi include tutte le informazioni del record di avvio principale, le applicazioni, le impostazioni e i dati creati dagli utenti e li archivia su un disco rigido locale o esterno o su cloud. Quando i dati e le applicazioni vengono modificate, il software di backup salva queste modifiche "incrementali". I backup incrementali richiedono molto meno tempo rispetto a un nuovo backup (o a una nuova immagine del disco) di un'intera unità di origine. Inoltre, permettono di recuperare tutte le modifiche dei dati avvenute dalla prima configurazione del disco rigido.
  3. Pianificare i backup incrementali a seconda delle tue abitudini di creazione dei dati.
  4. Impostare la percentuale di conservazione dei backup incrementali per ottimizzare lo spazio sulle unità di storage.

Dopo avere creato dei backup dei dati critici, li puoi archiviare in modo sicuro seguendo la regola 3-2-1 dei backup. (place link)

Puoi anche avviare backup automatici in tutte le posizioni di storage per garantire sempre la disponibilità per il ripristino dei dati operativi correnti. In caso di calamità o di attacco informatico, puoi ripristinare i backup e riprendere le normali attività in breve tempo.

Usa un software di clonazione quando desideri:

  1. Duplicare una configurazione su più computer in modo che l'impostazione di ogni sistema sia identica.

Configura un computer nel modo desiderato, clona il disco rigido e installa il clone su tutti gli altri computer.

Tieni presente che, se devi sostituire dei componenti hardware con altri più avanzati, la semplice installazione di un disco clonato nel nuovo hardware potrebbe non funzionare.

Dovrai usare alcune funzioni di configurazione del sistema operativo per far sì che tutto l'hardware più aggiornato sia supportato, oppure usare uno strumento di backup e ripristino come Acronis Cyber Protect Home Office con Acronis Universal Restore per supportare il ripristino di un disco su un computer con hardware diverso da quello del computer originale.

Quali sono i vantaggi dei migliori software di clonazione dei dischi?

Rispetto ai software di backup, per molti utenti domestici di computer il vantaggio più significativo di un software di clonazione è che crea un'immagine completa del computer in un determinato momento.

Così, potresti ad esempio conservare la "configurazione perfetta" per la tua famiglia o il tuo ufficio, con tutte le applicazioni e le impostazioni da utilizzare di nuovo in qualsiasi momento.

I file di dati (come i documenti di Microsoft Word, le foto e i video) possono essere su un disco rigido o su un volume separato. In questo modo, tutti i computer sono sincronizzati; hanno gli stessi programmi, e gli utenti avranno la stessa esperienza indipendentemente dal sistema utilizzato. Ma ciascun computer può contenere dati diversi.

Quindi, potrebbero esserci documenti Word ed Excel diversi su ogni computer, ma le versioni di Word e di Excel e l'interfaccia utente (ossia la modalità di accesso a questi programmi) saranno uguali su tutti i computer.

Un altro vantaggio della clonazione dei dischi rigidi è la disponibilità immediata. Non essendo compresso, il disco rigido clonato si può usare immediatamente su qualsiasi sistema. Se questo può avere un'importanza relativa per gli utenti domestici, per le aziende può consentire di abbreviare notevolmente le interruzioni operative.

Oltre a quest'ultimo vantaggio, la clonazione dei dischi spesso è più rapida della creazione dell'immagine, perché i dati vengono trasferiti direttamente da un'unità a un'altra.

Quali sono gli svantaggi dei software di clonazione dei dischi rigidi?

Per la clonazione dei dischi rigidi vi sono dei casi d'uso specifici. Per quanto sia comoda, presenta alcuni svantaggi. Vediamo quali sono.

  • I cloni occupano più spazio di storage perché il disco di destinazione copia subito le partizioni del disco di origine. È quindi impossibile comprimere o crittografare i dati clonati.
  • Non è possibile creare un clone incrementale o differenziale.
  • A meno che non si usi uno spazio di cloud storage, occorre un altro disco rigido per clonare quello in uso.
  • Qualsiasi unità può contenere un solo clone alla volta.

Quali sono le caratteristiche che non devono mancare in un buon software di clonazione dei dischi?

I migliori software di clonazione dei dischi sono:

Semplici: usano la migrazione per trasferire i dati. In genere offrono il modo più semplice per eseguire il backup e il ripristino del sistema. Il software di clonazione delle unità deve essere intuitivo e facile da usare.

Efficienti: permettono di ripristinare più computer contemporaneamente anziché costringere a passare ore a configurare ciascun computer separatamente.

Flessibili: prevedono delle opzioni per definire quando eseguire i backup, di quali elementi e su quale destinazione.

Sicuri: assicurano la protezione dei dati utilizzando le funzioni di sicurezza più efficaci disponibili.

La migliore sintesi delle due opzioni: Acronis Cyber Protect Home Office

A molti utenti serve sia una soluzione di backup che una di clonazione.

Acronis Cyber Protect Home Office (già noto come Acronis True Image) garantisce Cyber Protection continua, sicura ed efficiente ottimizzando al tempo stesso le prestazioni del computer durante i backup e riducendo al minimo lo spazio di storage necessario.

Offre tutti i vantaggi degli strumenti di backup e di clonazione dei dischi rigidi, come opzioni di pianificazione flessibili, backup incrementale dell'immagine, possibilità di scegliere quali file e programmi includere nel backup e un ampio ventaglio di scelte per la posizione di archiviazione dell'immagine del disco clonato. In più, è anche facile da usare.

La configurazione risulta agevole persino per gli utenti inesperti grazie alle istruzioni chiare della procedura guidata. Una volta completata la configurazione iniziale, il software di clonazione dei dischi viene eseguito automaticamente e ti permette di dedicarti alle tue attività lasciando che il backup Acronis pensi al resto.

Il software di clonazione dei dischi è il sistema ideale per proteggere e gestire i tuoi dati preziosi. Indipendentemente dal numero dei computer e dei sistemi operativi, dall'uso domestico o aziendale su scala ridotta, Acronis protegge tutti i dati di tutti i tuoi sistemi con un'unica soluzione. Ci sono ottime ragioni per conservare dei backup dei file e delle immagini complete dei dischi in locale e su cloud.

Approfittane e dormi sonni tranquilli sapendo che i tuoi computer e i tuoi dati sono al sicuro.

Clonazione di sistemi con Acronis

Per creare cloni di backup dell'intero disco rigido su un PC o un laptop Windows, procedi nel modo seguente (tieni presente che non puoi clonare una singola partizione, ma solo un intero disco)

  1. Avvia la tua soluzione Acronis -> seleziona "Strumenti" -> seleziona "Clona disco"
  2. Scegli "Automatica (consigliata)" per ridimensionare automaticamente e in modo proporzionale le partizioni del vecchio disco per adeguarle all'unità di destinazione
  3. Seleziona il vecchio disco rigido come "disco di origine" -> fai clic su "Avanti"
  4. Seleziona il nuovo disco rigido come "disco di destinazione" -> fai clic su "Avanti"
  5. Se l'unità di destinazione è partizionata correttamente, fai clic su "OK" per consentire l'eliminazione di tutti i dati che contiene (operazione necessaria per la clonazione)
  6. Rivedi la procedura nella finestra "Riepilogo" -> fai clic su "Procedi" per avviare la clonazione
  7. Tieni presente che, se cloni un disco il cui sistema operativo in quel momento è attivo, il programma potrebbe richiedere un riavvio; fai clic su "Riavvia" per procedere (se fai clic su "Annulla" l'operazione sarà interrotta)
  8. A clonazione completata, il sistema ti chiederà di premere un tasto qualsiasi per arrestare il computer; arresta il sistema e rimuovi l'unità selezionata

Knowledge Base su Acronis

Come scaricare un intero backup dalla console web AcronisAcronis Cloud BackupAcronis Cyber Protection per l’endpoint ibridoAcronis - Ripristino backup cloud su VM StellarDistribuzione di agenti tramite GPOAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Browser Web supportatiAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Navigazione nel portale di gestioneAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Attivare l'account di amministrazioneAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Requisiti per la passwordAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Accesso al portale di gestioneAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione dei contatti nella procedura guidata Profilo partnerAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Accesso alla console di Cyber Protection dal portale di gestioneAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Limitazione dell'accesso all'interfaccia WebAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Accesso ai serviziAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Barra Cronologia a 7 giorniAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Account utente e tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Gestione dei tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Creazione di un tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Modalità Sicurezza AvanzataAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Selezione dei servizi per un tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione degli elementi dell'offerta per un tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Abilitazione delle Notifiche sulla manutenzioneAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione del profilo cliente autogestitoAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Visualizzazione e aggiornamento della configurazione di un tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione dei contatti aziendaliAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Aggiornamento dei dati di utilizzo per un tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Disabilitazione e abilitazione di un tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Spostamento di un tenant in un altro tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Conversione di un tenant partner in un tenant cartella e viceversaAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Limitazione dell'accesso al tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Eliminazione di un tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Gestione degli utentiAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Creazione di un account utenteAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Ruoli utente disponibili per ogni servizioAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Ruoli utente e diritti di Cyber ScriptingAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Modifica delle impostazioni di notifica per un utenteAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Disabilitazione e abilitazione di un account utenteAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Eliminazione di un account utenteAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Trasferimento della titolarità di un account utenteAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione dell'autenticazione a due fattoriAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Propagazione delle impostazioni dell'autenticazione a due fattori a tutti i livelli dei tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione dell'autenticazione a due fattori per il tenantAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Gestire l'autenticazione a due fattori per gli utentiAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Ripristinare l'autenticazione a due fattori in caso di perdita del dispositivo di secondo fattoreAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Protezione da attacchi di forza brutaAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione di scenari di upselling per i clientiAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Gestione di posizioni e archiviAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Gestione dell'archiviazioneAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione dell'archivio immutabileAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione del branding e del marchio personalizzabileAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione degli URL delle interfacce web personalizzateAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Aggiornamento automatico degli agentiAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: MonitoraggioAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: UtilizzoAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: OperazioniAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Stato protezioneAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: #CyberFit Score per sistemaAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget di Endpoint Detection and Response (EDR)Acronis - Utilizzo del portale di Gestione: Monitoraggio integrità del discoAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Mappa di protezione datiAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget di valutazione delle vulnerabilitàAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget di installazione patchAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Informazioni sulla scansione del backupAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Recentemente interessatoAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Download dei dati relativi ai workload recentemente interessatiAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: URL bloccatiAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget Inventario softwareAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget Inventario hardwareAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Elaborazione di rapportiAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Utilizzo (elaborazione rapporti)Acronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione di report di utilizzo pianificatiAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione di report di utilizzo personalizzatiAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Report operazioniAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Riepilogo esecutivoAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget del report Riepilogo esecutivoAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget Panoramica dei workloadAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget di Protezione antimalwareAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget di BackupAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget Valutazione della vulnerabilità e gestione patchAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget di Disaster RecoveryAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget Prevenzione della perdita di datiAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget di File Sync & ShareAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Widget del servizio NotaryAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Configurazione delle impostazioni del report Riepilogo esecutivoAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Creazione di un report Riepilogo esecutivoAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Personalizzazione del report Riepilogo esecutivoAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Invio dei report Riepilogo esecutivoAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Fusi orari nei reportAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Dati inseriti nel report in base al tipo di widgetAcronis - Utilizzo del portale di Gestione: Registro controlloAcronis - Disaster Recovery: Ti diamo il benvenuto in Cyber Disaster Recovery CloudAcronis - Disaster Recovery: Informazioni su Cyber Disaster Recovery CloudAcronis - Disaster Recovery: Requisiti softwareAcronis - Disaster Recovery: Versione in trial di Cyber Disaster Recovery CloudAcronis - Disaster Recovery: Punti di calcoloAcronis - Disaster Recovery: Creare un piano di protezione di disaster recoveryAcronis - Disaster Recovery: Modifica dei parametri predefiniti del server di ripristinoAcronis - Disaster Recovery: Infrastruttura di rete cloudAcronis - Disaster Recovery: Configurazione della connessioneAcronis - Disaster Recovery: Concetti sulla reteAcronis - Disaster Recovery: Modalità solo cloudAcronis - Disaster Recovery: Connessione Open VPN da sito a sitoAcronis - Disaster Recovery: Connessione VPN IPsec multisitoAcronis - Disaster Recovery: Accesso VPN remoto da punto a sitoAcronis - Disaster Recovery: Eliminazione automatica degli ambienti del cliente non utilizzati dal sito cloudAcronis - Disaster Recovery: Configurazione della connessione inizialeAcronis - Disaster Recovery: Configurazione della modalità solo cloudAcronis - Disaster Recovery: Configurazione di una Open VPN da sito a sitoAcronis - Disaster Recovery: Configurazione di una connessione VPN IPsec multisitoAcronis - Disaster Recovery: Configurare le impostazioni di VPN IPsec multisitoAcronis - Disaster Recovery: Raccomandazioni generiche per i siti localiAcronis - Disaster Recovery: Impostazioni di sicurezza IPsec/IKEAcronis - Disaster Recovery: Raccomandazioni per la disponibilità dei Servizi di dominio Active DirectoryAcronis - Disaster Recovery: Configurazione dell'accesso VPN remoto da punto a sitoAcronis - Disaster Recovery: Gestione della reteAcronis - Disaster Recovery: Gestione delle retiAcronis - Disaster Recovery: Gestione delle impostazioni dell'appliance VPNAcronis - Disaster Recovery: Reinstallazione del gateway VPNAcronis - Disaster Recovery: Abilitazione e disabilitazione della connessione da sito a sitoAcronis - Disaster Recovery: Passaggio al tipo di connessione da sito a sitoAcronis - Disaster Recovery: Riassegnazione di indirizzi IPAcronis - Disaster Recovery: Configurazione di server DNS personalizzatiAcronis - Disaster Recovery: Eliminazione di server DNS personalizzatiAcronis - Disaster Recovery: Download degli indirizzi MACAcronis - Disaster Recovery: Configurazione del routing localeAcronis - Disaster Recovery: Consentire il traffico DHCP su L2 VPNAcronis - Disaster Recovery: Gestione delle impostazioni di connessioni da punto a sitoAcronis - Disaster Recovery: Connessioni da punto a sito attiveAcronis - Disaster Recovery: Lavorare con i registriAcronis - Disaster Recovery: Scaricare i registri dell'appliance VPNAcronis - Disaster Recovery: Scaricare i registri del gateway VPNAcronis - Disaster Recovery: Acquisizione di pacchetti di reteAcronis - Disaster Recovery: Soluzione dei problemi della configurazione VPN IPsecAcronis - Disaster Recovery: Soluzione dei problemi di configurazione di VPN IPsecAcronis - Disaster Recovery: Download dei file di registro della connessione VPN IPsecAcronis - Disaster Recovery: File di registro della VPN IPsec multisitoAcronis - Disaster Recovery: Configurazione dei server di ripristinoAcronis - Disaster Recovery: Creazione di un server di ripristinoAcronis - Disaster Recovery: Funzionamento del processo di failoverAcronis - Disaster Recovery: Esecuzione di un failover di provaAcronis - Disaster Recovery: Esecuzione di un failoverAcronis - Disaster Recovery: Funzionamento del processo di failbackAcronis - Disaster Recovery: Failback in una virtual machine di destinazioneAcronis - Disaster Recovery: Esecuzione del failback in una virtual machineAcronis - Disaster Recovery: Failback in un sistema fisico di destinazioneAcronis - Disaster Recovery: Esecuzione del failback in un sistema fisicoAcronis - Disaster Recovery: Operare con backup crittografatiAcronis - Disaster Recovery: Operazioni con virtual machine di Microsoft AzureAcronis - Disaster Recovery: Configurazione dei server primariAcronis - Disaster Recovery: Creazione di un server primarioAcronis - Disaster Recovery: Operazioni con un server primarioAcronis - Disaster Recovery: Gestione dei server cloudAcronis - Disaster Recovery: Regole del firewall per i server cloudAcronis - Disaster Recovery: Impostazione delle regole del firewall per server cloudAcronis - Disaster Recovery: Controllo delle attività del firewall cloudAcronis - Disaster Recovery: Backup dei server cloudAcronis - Disaster Recovery: Orchestrazione (runbook)Acronis - Disaster Recovery: Creazione di runbookAcronis - Disaster Recovery: Operazioni con i runbookAcronis - Disaster Recovery: Appendice A. Open VPN da sito a sito - Informazioni aggiuntiveAcronis - Antivirus MSP: Protezione anti-malware e protezione webAcronis - Antivirus MSP: Protezione antivirus e anti-malwareAcronis - Antivirus MSP: Impostazioni di Protezione antivirus e antimalwareAcronis - Antivirus MSP: Active Protection nell'edizione Cyber Backup StandardAcronis - Antivirus MSP: Impostazioni di Active Protection in Cyber Backup StandardAcronis - Antivirus MSP: Filtro URLAcronis- Antivirus MSP: Microsoft Defender Antivirus e Microsoft Security EssentialsAcronis - Antivirus MSP: Gestione firewallAcronis - Antivirus MSP: QuarantenaAcronis - Antivirus MSP: Cartella personalizzata self-service su richiestaAcronis - Antivirus MSP: Whitelist aziendaleAcronis - Antivirus MSP: Scansione anti-malware dei backup

Video Premium su Acronis

Corsi Premium - Acronis